La Maglia Azzurra sul podio del Supermoto delle Nazioni, al centro il C.T. FMI, Attilio Pignotti, da sinistra in alto: Ivan Lazzarini, Christian Ravaglia, Edgardo Borella

 

E’ stato un grande Supermoto delle Nazioni quello andato in scena oggi a San Martino del Lago. Sul circuito in provincia di Cremona, Italia e Francia hanno dato vita ad un duello durato fino agli ultimi metri della terza manche. Al termine della gara conclusiva sono stati i francesi a spuntarla, ma la Maglia Azzurra ha confermato tutto il suo valore lasciandosi alle spalle squadre come la Germania, terza, la Finlandia, quarta, e la Repubblica Ceca, quinta.

 

Le gare

Grande Italia e tanti colpi di scena nella prima manche. Partiti in testa, il francese Thomas Chareyre e Ivan Lazzarini sono stati irraggiungibili per chiunque, soprattutto per Adrien Chareyre e Asseri Kingelin: la moto del transalpino si è spenta nel primo tratto di offroad mentre il Campione Europeo è stato costretto al rientro ai box per un problema alla moto. Tutt’altra storia per Christian Ravaglia, partito 18°, capace di rimontare posizioni su posizioni e chiudere quarto dietro a Thomas Chareyre, Ivan Lazzarini e Pavel Kejmar. 18° Adrien Chareyre.

 

Caduto nella prima heat, Adrien Chareyre si è riscattato vincendo la seconda. Nei primi giri sembrava dover andar via con il suo compagno Sylvain Bidart, che però è arrivato quarto dopo aver fatto i conti con le rimonte del finlandese Hermunen (secondo al traguardo a meno di due decimi dal leader) e del tedesco Schmidt. Bravi Christian Ravaglia ed Edgardo Borella, rispettivamente 5° e 6° al traguardo.

 

Nella terza manche, grande bagarre tra Thomas Chareyre e Ivan Lazzarini. L’italiano – 2° al traguardo - è rimasto in testa fino al settimo giro, quando è iniziato un bel duello con l’avversario. Intanto cadeva Borella, fino a quel momento alle spalle dell’altro francese Bidart e 16° al traguardo. La sua scivolata però non ha influito sul risultato finale, un secondo posto al Supermoto delle Nazioni 2014 che – dopo le due grandi vittorie nelle edizioni 2012 e 2013 – conferma l’Italia come una delle migliori squadre a livello mondiale.

 

Finale col brivido per il terzo posto del Nazioni. La Finlandia, pronta a salire sul podio, è stata scavalcata dalla Germania a causa delle penalità inflitte a sei piloti per non aver rispettato il regime di bandiere gialle nell'ultima heat. Un seguente reclamo della Finlandia stessa, ha portato invece alla retrocessione di Thomas Chareyre e Ivan Lazzarini al 7° e 8° posto di gara 3, ancora una volta per non aver rispettato le bandiere gialle. Queste retrocessioni non hanno influito sulla classifica finale per nazioni che ha visto la Francia e l'Italia in 1° e 2° posizione.

 

Maglia Azzurra Junior

La Maglia Azzurra Junior ha chiuso al 12° posto assoluto, 3° tra le nazionali giovanili dietro a Germania e Svizzera. Diego Monticelli, Edoardo Gente e Lorenzo Promutico – tutti al loro primo Supermoto delle Nazioni – hanno sempre dato il massimo e hanno sfruttato questa occasione per fare esperienza ad alto livello.

 

Attilio Pignotti, Commissario Tecnico FMI: “Sono davvero soddisfatto di tutta la squadra. Non siamo riusciti a riconfermarci dopo i successi del 2012 in Portogallo e del 2013 in Bulgaria, ma sapevo che vincere sarebbe stato molto complicato, soprattutto su una pista come questa che esalta la potenza dei motori dei francesi. I miei piloti sono stati davvero bravi. Ravaglia ha dato l’anima e si è confermato uomo squadra, Lazzarini ormai è una garanzia e Borella, dopo qualifiche difficili, mi ha sorpreso in gara. Anche la Maglia Azzurra Junior si è comportata bene, per i giovani è stata un’esperienza importante”.

 

Classifica Supermoto delle Nazioni

1. Francia (15 punti) 2. Italia (25) 3. Germania (32) 4. Finlandia (33)

5. Repubblica Ceca (45) 12. Italia Junior (103)

 

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterInstagram YouTube