Dahlen, in Germania, a sud di Berlino, ha ospitato lo scorso fine settimana la prima tappa del Campionato del Mondo Enduro.

La gara, organizzata su un percorso di circa 65 km con quattro prove (due enduro, una cross e una extreme) da ripetere per tre giri in entrambe le giornate di gara, è stata l’esordio ufficiale nel Mondiale per la nuova squadra capitanata da Gianni Belloni.

Guarneri è stato protagonista di una combattutissima E1, registrando tempi ottimi anche per la classifica assoluta. Il “Pota” è risultato velocissimo in tutte le venticinque speciali disputate, ottenendo il miglior tempo in sette prove e terminando sempre nella top five. Sabato ha mancato il podio a causa di un minuto perso per la catena scesa: consapevole di avere un ritmo da top three, domenica si è riscattato andando a conquistare una bellissima seconda posizione dietro solo al Campione del Mondo Freeman.

Grazie a questi risultati, Guarneri torna in Italia secondo in classifica di campionato, a pari punti con Oldrati e Cavallo.

Il portoghese Diogo Ventura, chiamato a sostituire l’infortunato Davide Soreca nella classe E2, è stato purtroppo costretto al ritiro sabato, mentre domenica ha concluso undicesimo.

Prossimo impegno per Honda RedMoto Lunigiana Team è la seconda prova degli Assoluti d’Italia il 31 marzo ad Arma di Taggia (IM).

DAVIDE GUARNERI

Prima gara di Mondiale tra luci e ombre. Sabato avevo un buon passo, ma ho buttando via 20 secondi nella Enduro 2 del secondo giro dopo aver preso un grosso ramo. Ho recuperato tempo e stavo lottando per il podio quando mi è scesa la catena e ho perso un minuto. Peccato, ma anche queste sono le gare!

Domenica soffrivo un po’ nelle prove di enduro, mentre andavo forte nel cross, e sono riuscito a chiudere secondo. Sono contento perché è stato un buon esordio e la squadra ha lavorato bene. Freeman in questo GP era imbattibile, per la prossima gara arriveremo ancora più competitivi”.

DIOGO VENTURA

Sabato purtroppo dopo una caduta ho riscontrato un problema a un comando che non mi ha permesso di finire la gara. Domenica invece ho cercato di avere un ritmo costante, ma il terreno delle speciali qui in Germania è molto diverso da quello a cui sono abituato e non sono riuscito a fare meglio della settima posizione finale”.

GIANNI BELLONI

Dopo un sabato tra alti e bassi, domenica Davide si è riscattato portando a termine una grande giornata.

Il suo impegno e il talento sono tangibili. Ventura purtroppo ha dovuto fare i conti con un banale problema tecnico che l’ha fermato sabato, mente domenica ha dovuto fare i conti con un terreno totalmente diverso da quelli a cui è abituato”.

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter