honda cb500x 2019

Honda CB500X 2019 analisi tecnica prestazioni consumi

La nuova Honda CB500X 2019 è stata profondamente rivista, sia nell’estetica che nella ciclistica e nella posizione di guida, vediamo le novità.

La CB500X è spinta dal motore bicilindrico comune alle altre CB500 (CB500F e CBR500R), con una potenza di 48 CV, uguale al precedente modello, ma maggiore del 4% tra i 3.000 e i 7.000 giri/min. In questo modo la moto rimane sempre guidabile con la patente A2.

Tra le novità tecniche del motore ci sono la chiusura delle valvole anticipata di 5° e alzata aumentata di 0,3 mm (ora 7,8 mm), i nuovi condotti di aspirazione, più rettilinei, e la batteria spostata indietro per far maggior spazio all'airbox. Il terminale di scarico prevede ora una doppia uscita. La potenza massima è di 35 kW (48 CV) a 8.600 giri/min e la coppia è di 43 Nm a 6.500 giri/min. Alesaggio e corsa misurano 67 x 66,8 mm, il rapporto di compressione resta 10,7:1, la fasatura dell’albero a gomiti è di 180° e un contralbero di bilanciamento primario è posizionato dietro ai cilindri, vicino al baricentro della moto. Tra gli ingranaggi della primaria e del contralbero un ingranaggio intermedio riduce drasticamente la rumorosità mentre le mannaie dell’albero a gomiti sono appositamente sagomate per ottenere un perfetto bilanciamento. Il motore svolge una funzione portante ed irrigidisce il telaio con quattro punti di ancoraggio sulla testata. La distribuzione bialbero (DOHC) a 4 valvole per cilindro sfrutta bilancieri a rullo, con recupero del registro valvole tramite pastiglie calibrate. La catena della distribuzione ha un trattamento superficiale al vanadio per aumentare l’affidabilità e la durata. Le valvole di aspirazione e scarico mantengono il diametro rispettivamente di 26 e 21,5 mm. Sempre in ottica di riduzione degli attriti, sul mantello dei pistoni sono presenti delle striature che creano interstizi in cui l'olio può fluire migliorando la lubrificazione. Infine, dopo un trattamento di nitrocarburazione, viene eseguito il processo AB1 in bagno di sale, che crea una membrana protettiva antiossidante. La proporzione della triangolazione tra albero motore, albero della trasmissione primaria e del contralbero è del tutto simile a quella dei motori Honda della serie supersportiva RR a 4 cilindri, così come avviene per la struttura del cambio a 6 rapporti, permettendo così la realizzazione di un motore compatto in senso longitudinale. Una profonda coppa dell'olio riduce il movimento del lubrificante al suo interno e la potente pompa assicura la perfetta lubrificazione contribuendo all’estrema affidabilità del motore in ogni condizione. Il basamento sfrutta canne dei cilindri con pareti sottili ottenute per colata centrifuga. Particolare attenzione è stata riservata alla conformazione interna del carter, al fine di ridurre drasticamente le perdite per pompaggio che possono verificarsi con il manovellismo di 180°. Il cambio a 6 rapporti è ora dotato di frizione assistita con antisaltellamento che riduce lo sforzo per azionare la leva della frizione e mantiene sempre il contatto tra suolo e ruota posteriore anche in caso di scalate repentine.

Il telaio tubolare in acciaio (tubi da 35 mm di diametro) con struttura a diamante ha un interasse di 1.443 mm, associato a un'inclinazione del cannotto di sterzo di 27,4° e a un'avancorsa di 108 mm. Il peso in ordine di marcia e con il pieno di benzina è di 197 kg. La sella è posta a 830 mm da terra, mentre l’altezza da terra di 180 mm consente di superare anche dislivelli pronunciati. Il serbatoio ha ora una capacità di 17,7 litri e, grazie ai consumi estremamente ridotti (28,6 km/l nel ciclo medio WMTC), garantisce un’autonomia di 500 km. La forcella telescopica da 41 mm regolabile nel precarico molla, presenta una corsa maggiorata rispetto al modello precedente (+10 mm) ed è ora pari a 150 mm. Aumentata anche l’escursione della ruota posteriore (+17 mm), che passa da 118 a 135 mm. Il nuovo monoammortizzatore a tubo singolo con pistone maggiorato sostituisce il design a doppio tubo del modello precedente e garantisce efficienza anche a pieno carico. Dotato di regolazione del precarico molla su 5 posizioni, è fissato al forcellone in acciaio scatolato con leveraggio Pro-Link. La trasmissione finale è a catena sigillata da 520 mm. Nuovi i cerchi a 7 razze sdoppiate, con l’anteriore da 19” che, insieme alle sospensioni a lunga escursione, permettono di affrontare anche i percorsi accidentati con un elevato livello di assorbimento delle asperità. Al posteriore rimane il largo pneumatico 160/60-R17 mentre all’anteriore arriva un nuovo 110/80-R19, entrambi con intaglio on/off. Per quanto riguarda i freni, l’impianto anteriore prevede un disco flottante da 310 mm con pinza a due pistoncini, mentre al posteriore un disco da 240 mm con pinza a singolo pistoncino. La nuova strumentazione LCD a retroilluminazione negativa include ora la spia ShiftUp di cambiata e l’indicatore della marcia inserita. Gli indicatori di direzione sono ora a LED e il parabrezza è più esteso, nuovo anche il manubrio a sezione differenziata.

La CB500X 2019 è disponibile sul mercato italiano nei seguenti colori:

Grand Prix Red

Matt Gunpowder Black Metallic

Pearl Metalloid White

La gamma di accessori originali #Honda per la CB500X 2019 include:

Cavalletto centrale, Deflettori vento laterali, Paramani, Manopole riscaldabili, Top box da 35 L, Portapacchi posteriore, Valigie laterali da 29 L, Barre tubolari antiurto, Luci antinebbia a LED, Borsa serbatoio, Borsa per sella, Presa 12V, Parabrezza fumé, Stickers ruote, Paraserbatoio

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter