masthead

 

Al Motor Bike Expo di Verona ufficializzato il doppio ritorno di Mtech.

Lo storico marchio italiano tornerà nei negozi della catena Wheelup con un design rinnovato e scenderà in pista nel Mondiale SBK con il giovane pilota argentino Leandro Mercado.

 

Era il 2001 quando nacque MTECH e ci volle davvero poco perché i suoi prodotti conquistassero i più esigenti fra gli appassionati di moto. Pellami di qualità eccellente, vestibilità ideale, tute morbidissime, traspiranti e performanti come poche altre che giravano fra i paddock del Motorsport. Per referenze, chiedere ad Alvaro Bautista, Roberto Rolfo, Fabien Foret, Sèbastien Charpentier.

 

 

Il marchio italiano riparte oggi da dove era arrivato allora, spinto dall’innovazione introdotta da Wheelup e insieme a Leandro “Tati” Mercado. Il pilota argentino, già campione Superstock 1000 FIM Cup, correrà il mondiale Superbike 2020 in sella alla Ducati Panigale V4 F20 del Team Motocorsa Racing con una tuta realizzata appositamente per lui da MTECH, riportando il brand sulla scena internazionale delle competizioni sportive.

 

Per questo doppio ritorno in grande stile, MTECH ha rinnovato i suoi prodotti con vestibilità slanciate e linee più aggressive, che esprimono tutta la forza e la determinazione con cui tornerà ad affrontare le competizioni nel mondo racing.

Qualità dei materiali, innovazione nella ricerca e nel processo di sviluppo e rifiuto dei compromessi restano i punti fermi del marchio, i cui prodotti vengono studiati e progettati in Italia dal centro sviluppo Banque Lab e distribuiti in esclusiva nei 30 negozi della catena Wheelup a prezzi competitivi.

 

 

Per Wheelup si tratta di un importante passo nel mondo del Motorsport, mosso dalla grande passione per l’eccellenza e l’innovazione, che trovano la loro massima espressione proprio nelle competizioni. Si tratta anche di una nuova opportunità per portare l’esperienza del mondo delle corse e le capacità tecniche di MTECH a tutti i suoi clienti.

FacebookTwitter
X

Right Click

No right click