masthead

 

Una caduta condiziona il risultato in gara del team AvioBike

La 8h di Sepang si conclude con un risultato al di sotto delle aspettative per il team AvioBike. Dopo aver conquistato il settimo tempo di categoria nelle qualifiche, conclude nelle retrovie una gara che sapeva già di successo.

Partenza travagliata quanto sospirata quella che si è vista oggi in Malesia. La race direction ha infatti interrotto per ben due volte la competizione a causa della forte pioggia e ripartita successivamente e in via definitiva con tre ore e mezza di ritardo. Allo start, il portacolori del team AvioBike Giovanni Baggi scatta subito bene dimostrando un ottimo passo. In pochi passaggi raggiunge la prima posizione della categoria Superstock, ma le condizioni instabili della pista unite al calo improvviso di grip del pneumatico posteriore, hanno visto il rider lodigiano vittima di una caduta durante il decimo passaggio.

Nonostante il potente insight, Giovanni riesce a recuperare la moto e portarla ai box per la sostituzione del semi-manubrio spezzatosi durante l'impatto. Riparte così la seconda guida Andrea Boscoscuro che fa registrare fin da subito un passo simile ai primi piloti. Purtroppo, il talentuoso pilota veneto, è costretto a rientrare nei box dopo pochi passaggi per dei problemi tecnici alla moto, causati sicuramente dalla caduta precedente. Nel frattempo, il team AvioBike accumula ben 5 giri di svantaggio rispetto ai diretti avversari; un gap che inizia a diventare molto difficile da colmare. L’ottimo lavoro svolto dallo staff tecnico del team permette al terzo pilota Niccolò Rosso di entrare in pista. Le fasi finali della competizione vedono il rider di Novara lottare ancora una volta con un calo imprevisto del pneumatico posteriore che lo costringe a rientrare ai box per la sostituzione della gomma e concludere la gara in 45 esima posizione finale.

Giovanni Baggi, Principal Manager e rider #101

"Purtroppo il risultato finale non rappresenta sicuramente il nostro potenziale. Eravamo primi della nostra categoria quando ho subito una caduta a causa della diminuzione improvvisa di grip del pneumatico. Un vero peccato. Siamo arrivati su una pista nuova e, nonostante non avessimo dati, siamo andato subito forte dimostrando di essere molto competitivi fin dalle qualifiche. Purtroppo non riusciamo ancora a concretizzare, la squadra è giovane, ma sono sicuro che la strada è quella giusta. Ringrazio tutti i ragazzi del team per l’ottimo lavoro e i nostri sponsor per il continuo supporto".

FacebookTwitter
X

Right Click

No right click