L’appuntamento d’apertura del Campionato Mondiale EnduroGP 2019 del 23 e 24 marzo a Dahlen, Germania, ha visto Alex Salvini esordire insieme al Team S2 Motorsport Sembenini Honda-RedMoto.

In una gara dal ritmo frenetico disputata su un percorso di 65 km da ripetere tre volte a giornata con quattro differenti prove speciali (due Enduro Test, un Cross Test, un Extreme Test), Salvini ha mancato la vittoria il sabato per una criticità tecnica, mentre la domenica per soli 16 centesimi.

Il pilota del Team S2 Motorsport Sembenini Honda-RedMoto ha subito lasciato intendere di voler essere grande protagonista della stagione, conquistando il settimo tempo assoluto nel Supertest di venerdì sera.

Con i migliori presupposti e determinato a portare a casa un doppio successo, il bolognese ha purtroppo fatto i conti con la sfortuna. Il sabato è stato penalizzato con quattro minuti dopo essere stato costretto a sostituire un manicotto in gomma dell’impianto di raffreddamento rotto probabilmente da un ramo, riuscendo comunque a concludere 9° nella E2, vincendo tre prove speciali. In una domenica all’insegna della rivincita, Salvini ha mancato d’un soffio la vittoria proprio all’ultima prova speciale dopo essere stato al comando per tutta la gara.

Prossimo appuntamento per il Team S2 Motorsport Sembenini Honda-RedMoto è la seconda prova dei Campionati Assoluti d’Italia, in programma domenica 31 marzo ad Arma di Taggia (SV).

ALEX SALVINI

Sono partito per vincere, ma abbiamo mancato l’obiettivo per un soffio: queste sono le gare e sono contenuto comunque del risultato finale. Sabato c’è stato il problema al manicotto, mentre tutto sommato domenica è stata positiva, perché ho comandato per tutta la giornata e lottato sino alla fine. Abbiamo dimostrato di essere protagonisti di questo Mondiale. Grazie alla squadra: abbiamo dimostrato che in giornate come queste abbiamo la freddezza e tutte le carte in regola per affrontare i problemi e risolverli. Ora pensiamo alle due gare dell’italiano e ai prossimi appuntamenti del Mondiale in Spagna e Portogallo”.

GINO SEMBENINI

La Germania non porta davvero fortuna a Alex, che ha mancato la vittoria per pochissimo in entrambe le giornate di gara. Sabato ha purtroppo perso quattro minuti per sostituire un manicotto di gomma dell’impianto di raffreddamento. Domenica, invece, stava correndo una super gara costantemente al comando, ma all’ultima speciale Remes ha avuto la meglio, precedendolo di soli 16 centesimi. Alex è stato comunque bravissimo, perché si è messo in evidenza su un terreno bagnato con fango, dopo un inverno di allenamento su fondi duri e asciutti in previsione dei prossimi appuntamenti del Mondiale. Ora torniamo a casa più che mai decisi a continuare a migliorarci”.

Team S2 Motorsport Sembenini Honda-RedMoto

Press Office

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter