La Scuola Italiana Piloti è una iniziativa della GPI Technology Srl, una start up innovativa fondata a Terni nel 2015, con lo scopo di promuovere progetti di ricerca e sviluppo nel settore dell’ingegneria meccanica applicata al settore del motorsport, attraverso la creazione di un Polo Tecnologico, un Competence Center specializzato in R&S a cui aderiscono importanti aziende di engineering, nella produzione di prototipi e componenti per il settore delle moto, nonché l’Università di Perugia.

Tra i progetti di GPI Technology vi è anche quello di sviluppare una moto per la categoria Moto3 (che come vedremo, parteciperà al CIV Campionato Italiano di Velocità) e di un ampliamento dell’attuale Autodromo di Tramatza (OR), per farne un impianto polivalente adatto a tutti gli sport motoristici: il Sardinia Circuit.

GPI Technology ha inoltre dato vita alla Scuola Italiana Meccanici ed alla Scuola Italiana Piloti.

La Scuola Italiana Meccanici è un’agenzia formativa che ha lo scopo di formare meccanici specializzati nell’assistenza ad attività di racing, anche attraverso la collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Perugia .

Per quanto riguarda la Scuola Italiana Piloti, la stessa sviluppa le proprie attività in tutte le più importanti categorie motociclistiche, dalla 300 alla Superbike, e rappresenta l’ultimo importantissimo anello della catena di valore creata da GPI Technology.

Le finalità della S.I.P sono due: quella tecnologica, legata al progetto industriale e quella sportiva, improntata a dare la possibilità a piloti italiani di gareggiare e di mostrare il proprio valore nelle competizioni motociclistiche, portando in pista alcuni dei prodotti e delle tecnologie sviluppate da GPI Technology.

I colori scelti per il Team sono l’azzurro ed il tricolore della nostra bandiera (già ammirati sulla MVF4 esposta a MBE Verona e molto apprezzata dal pubblico). Colori che rafforzano e sottolineano la scelta di valorizzare giovani talenti italiani.

Il team che nel 2018 parteciperà al CIV ed all’Europeo SS600, è al suo esordio ma è composto da professionisti di comprovata esperienza e rappresenta un modello lavorativo innovativo per il settore delle competizioni.

Il progetto fa capo a Francesco Bartoli, team Principal di Scuola Italiana Piloti, CEO di GPI Technology e della Bartoli Management che si occupa delle attività di marketing.

Il Presidente di S.I.P è Enrico Tanteri, coordinatore di tutte le attività sportive, che verranno presto annunciate con un programma dettagliato.

La parte tecnica può contare su Andrea Gerini, le cui indubbie capacità gli hanno permesso in passato la conquista di due titoli italiani. Gerini è il responsabile delle moto MV Agusta utilizzate dai piloti di S.I.P nei campionati Supersport 600 e Superbike. Il progetto costruito intorno alle moto MV prevede un intensa attività di ricerca e sviluppo, in particolare sulla F4, per continuare il percorso iniziato da Andrea Gerini qualche anno fa con l’obbiettivo di rendere le bellissime moto di Schiranna ancora più competitive. Le Moto3 e le 300 verranno invece affidate al noto Francesco Milizia, un tecnico esperto che ha già messo le proprie capacità al servizio di giovani piloti che sono ora protagonisti nei campionati mondiali.

Il team manager è Andrea Balzani, che ha il compito di coordinare tutte le varie attività gestionali di S.I.P. oltre a mantenere le relazioni con organizzatori ed istituzioni.

Molto importante la figura di Riccardo Moretti, da poco nominato Tecnico Federale FMI nonché ex pilota e campione italiano GP125 nel 2009, ed ora Responsabile Tecnico e collaudatore per GPI Technology.

La stagione agonistica 2018 vedrà Scuola Italiana Piloti impegnata nel CIV, nelle categorie Superbike, Supersport 600, Supersport 300 e Moto3, nonché nel campionato Europeo Supersport 600.

Sarà l’esperto Fabrizio Lai a portare in pista la MV Agusta F4, mentre nella Supersport i piloti saranno il vice campione italiano 2017 Ilario Dionisi e Walter Sulis. Quest’ultimo prenderà parte anche al Campionato Europeo Supersport 600, assieme ad un altro pilota ancora in fase di definizione. Nel CIV SS300 il pilota sarà Marco Carusi, mentre la debuttante Moto3 sarà affidata ad Angelo Licciardi.

Un impegno importante, per una stagione che si preannuncia ricca di soddisfazioni per i piloti e per tutti i componenti della Scuola Italiana Piloti, terminale sportivo delle molteplici attività di GPI Technology.

Francesco Bartoli : “Questo progetto è il frutto di tre anni di analisi del settore del motosport, il nostro è un progetto industriale che mira a promuovere e sostenere il progetto sportivo della Scuola Italiana Piloti. La S.I.P. avrà il compito di valorizzare le indubbie capacità dei nostri tecnici e di esaltare il talento dei nostri piloti. E’ stato un lavoro duro ed incessante per i nostri collaboratori che in questi giorni lavorano senza sosta per arrivare al meglio all’inizio della stagione sportiva. Tutti noi siamo consapevoli dell’impegno che ci aspetta, in questo nostro primo anno di attività sportiva, ed in quelli futuri: il nostro obiettivo sarà quello di migliorarci sempre. Ogni nostra componente, dirigenti, tecnici, meccanici, piloti è coinvolta in un processo migliorativo continuo secondo rigidi standard di qualità. Un approccio innovativo che si deve dimostrare vincente: è questa la nostra sfida.

Andrea Gerini : “Siamo tutti molto positivi e carichi. Il nostro è un progetto ambizioso ed impegnativo, visto che saremo impegnati in varie classi e campionati, ma ci sono tutti i presupposti per fare bene. In Superbike abbiamo un pilota come Lai che è molto maturo e con lui potremo portare la MV Agusta F4 nelle posizioni che le competono. Nella Supersport possiamo dire di conoscere bene la moto, visto che con la MV F3 ho già vinto due titoli italiani, inoltre Dionisi è un pilota che può fare la differenza, anche in un campionato che si preannuncia di alto livello. Con una moto competitiva anche Sulis potrà far bene, mentre nell’Europeo dovrà prima acquisire un poco di esperienza internazionale. I test che faremo prima dell’inizio dei campionati saranno importanti sia per il nostro staff tecnico che per i piloti, per creare il giusto spirito di squadra”.

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter