Il pilota Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing Andrew Short ha realizzato la sua miglior prestazione fin qui alla edizione numero 40 del Dakar Rally, chiudendo la tappa 8 in diciassettesima posizione. Con questo risultato l’ex crossista americano, alla sua prima Dakar, si avvicina alla top 20 della classifica generale provvisoria. Rallentato da un piccolo problema tecnico, Pablo Quintanilla è attualmente dodicesimo in classifica.

La seconda parte della tappa marathon, che ha portato domenica i piloti da Uyuni a Tupiza, è stata tanto lunga quanto impegnativa. Disputata in condizioni molto fredde e umide, ha costituito per i concorrenti un altro test in termini di condizione fisica e solidità mentale. Con una grande prestazione in queste difficili condizioni, Andrew Short ha concluso la tappa a 22 minuti dal vincitore, ed è attualmente ventitreesimo nella classifica generale provvisoria del rally.

Per il due volte campione del mondo Rally Pablo Quintanilla, l’ottava tappa si è rivelata la più difficile di questa Dakar. Partito ottavo nella classifica generale provvisoria, Pablo ha patito un piccolo problema tecnico che lo ha retrocesso in dodicesima posizione alla fine della tappa.

Tra gli italiani, bravo Maurizio Gerini ventiquattresimo di tappa; poco distante Jacopo Cerutti, rallentato da una caduta nella polvere e ventottesimo, mentre Fausto Vignola chiude al cinquantacinquesimo posto di giornata. In classifica generale Cerutti è ventiseiesimo, Gerini trentesimo e Vignola sessantacinquesimo.

A causa delle condizioni meteo estreme e del pericolo di alluvioni e tempeste, gli organizzatori del Dakar Rally hanno deciso di cancellare la prova speciale della tappa 9. Essendo impraticabile il bivacco di Tupiza, i concorrenti si sono mossi in gruppo per altri 540 km fino al bivacco di Salta, dove riposeranno fino a che la gara riprenderà il suo corso normale martedì.

Andrew Short: “Gli ultimi due giorni sono stati davvero terribili fisicamente e mentalmente, e sono contento di aver completato questa prima tappa marathon. Ieri sono caduto alcune volte nel fango, e mi sono anche fermato ad assistere altri piloti. Nei tratti sabbiosi sono davvero veloce, ma devo migliorare la mia velocità sulle piste dure. Nel complesso, oggi è stata una buona tappa. Mi sono fermato per cercare di aiutare Pablo, perdendo a mia volta un po’ di tempo. Ma per me l’obiettivo è di continuare giorno per giorno. Questa corsa è davvero estenuante mentalmente e fisicamente. Ora siamo tutti stanchi e malconci, ma dobbiamo restare concentrati sulle prossime tappe.”

Pablo Quintanilla: “Per me è stata una giornataccia. Ero partito benissimo, con l’obiettivo di attaccare per recuperare minuti sui leader della classifica generale. Ma al km 220 della prova speciale ho avuto un problema col mozzo posteriore. Mi sono fermato e ho perso più di un ora cercando di ripartire. Questa Dakar non è stata fortunata per me, ma continuerò a dare il meglio di me nelle prossime tappe. Abbiamo lavorato duramente un anno intero per prepararci a questa gara, per cui è una delusione per tutto il team che succedano cose come questa. Ma è andata come è andata, e continueremo a correre fino alla fine. Ho ancora la possibilità di far bene nelle prossime tappe migliorando la mia velocità e la mia navigazione. Questo è il mio obiettivo ora.”

Dakar Rally 2018 – Classifica provvisoria della Tappa 8

1. Antoine Meo (KTM) 05:24:01

2. Ricky Brabec (Honda) 05:25:09

3. Toby Price (KTM) 05:26:46

4. Kevin Benavides (Honda) 05:29:53

5. Stefan Svitko (KTM) 05:30:47

6. Matthias Walkner (KTM) 05:31:01

17. Andrew Short (Husqvarna) 05:46:29

40. Pablo Quintanilla (Husqvarna) 06:37:21

Dakar Rally 2018 – Classifica generale provvisoria dopo la Tappa 8

1. Adrien Van Beveren (Yamaha) 27:22:03

2. Kevin Benavides (Honda) 27:22:25

3. Matthias Walkner (KTM) 27:28:37

4. Toby Price (KTM) 27:29:38

5. Joan Barreda (Honda) 27:30:04

6. Antoine Meo (KTM) 27:31:59

12. Pablo Quintanilla (Husqvarna) 28:47:26

23. Andrew Short (Husqvarna) 29:45:34

Husqvarna Motorcycles GmbH

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter