masthead

 

Cielo soleggiato e temperature miti oggi a Phillip Island per le due ultime gare del primo round del campionato mondiale Superbike.

Xavi Fores, il pilota del Kawasaki Puccetti Racing, ieri avevo concluso anticipatamente la prima gara della stagione a causa di una caduta, risoltasi per fortuna senza conseguenze fisiche per il pilota spagnolo. Questa mattina Xavi è sceso in pista per il warm up, in preparazione alle gare odierne.

La Tissot Superpole Race, che si è corsa come sempre sulla distanza di 10 giri. Fores è stato autore di una buona partenza, ma nei pochi giri a disposizione non ha trovato il giusto feeling con la sua Ninja. Inoltre a causa di un contatto con un altro pilota nel corso del sesto giro, lo spagnolo del team Kawasaki Puccetti Racing ha perso molte posizioni terminando la gara in dodicesima posizione.

La terza ed ultima gara di questo round australiano si è disputata nel pomeriggio. Nei primi giri Xavi transitava in ottava posizione, nel gruppo in testa alla gara. Purtroppo anche in questa gara la fortuna ha girato le spalle al pilota spagnolo, che per evitare un avversario che si era quasi fermato proprio davanti a lui ha dovuto uscire di pista. Nella lunga escursione sulla sabbia ad una velocità molto elevata, Fores è riuscito a non cadere ma è rientrato in pista in ultima posizione, per poi tagliare il traguardo all’undicesimo posto.

Il prossimo appuntamento con il campionato mondiale Superbike è previsto nel weekend del 13-15 marzo sulla pista di Losail in Qatar.

Phillip Island – Australia - Campionato mondiale Superbike

Tissot Superpole Race: 1) Rea (Kawasaki) – 2) Razgatlioglu (Yamaha) – 3) Redding (Ducati) – 4) Lowes (Kawasaki) - 5) Van der Mark (Yamaha) ……… 12) Fores (Kawasaki)

Gara 2: 1) Lowes (Kawasaki) - 2) Rea (Kawasaki) – 3) Redding (Ducati) – 4) Van der Mark (Yamaha) – 5) Davies (Ducati) ……. 11) Fores (Kawasaki)

Xavi Fores: “E’ stato un weekend sfortunato. Nella Superpole race abbiamo provato qualcosa di diverso rispetto a ieri, ma purtroppo le modifiche apportate non si sono rivelate valide ed ho fatto fatica a guidare come volevo. In gara2 invece abbiamo fatto una modifica alla forcella che mi ha aiutato a guidare in modo più sciolto. Mi sentivo a mio agio sulla Ninja, ma purtroppo nel quinto giro un pilota che mi precedeva ha avuto un problema tecnico, e si è quasi fermato davanti a me. Per evitarlo ho dovuto uscire di pista e sono rientrato in ultima posizione. Sono stato fortunato a non colpirlo e a non cadere nella sabbia della via di fuga, in quanto in quel punto la velocità è molto elevata. La parte positiva di questo weekend è che abbiamo lavorato molto ed abbiamo trovato un assetto che mi consente di andare forte. Per questo sono sicuro che in Qatar riusciremo a fare bene. Grazie alla mia squadra per il grande aiuto che mi ha dato”.

Manuel Puccetti: “Storicamente quella australiana non è una pista a noi favorevole e anche quest’anno non abbiamo raccolto il frutto del grande lavoro svolto dai nostri tecnici e dai nostri piloti. Sono certo che in Qatar andrà decisamente meglio e faremo un grande passo in avanti”.

Kawasaki Puccetti Racing

FacebookTwitter
X

Right Click

No right click